Facebook Ads: perchè la campagna non funziona?

Di 15 Luglio 2021Marketing
Facebook ads webita

Molti imprenditori affermano di spendere molto budget nell’advertising su Facebook, senza ottenere i risultati sperati. Perché queste campagne di Facebook Ads non funzionano e quali sono i segreti per creare Facebook Ads efficaci? Vediamolo assieme.

Gli errori più comuni su Facebook Ads

Quando mettiamo mano alle campagne su Facebook Ads vediamo come ci siano molto spesso errori comuni che impediscono di creare Facebook Ads efficaci e che il più delle volte sono riconducibili alla scarsa conoscenza dello strumento e delle sue possibilità. Vuoi sapere quali sono gli errori che rendono nullo il tuo investimento su Facebook? Ecco una panoramica.

Errata definizione del pubblico

Chi crea la prima campagna non ha risorse a disposizione per creare un pubblico personalizzato, ma si può lavorare molto bene con interessi, targeting geografico e demografico. A seconda dei parametri inseriti, l’errore comune è restringere o allargare troppo il pubblico. Come risolvere il problema?

Il consiglio di Webita è quello di creare un set di annunci unico per ogni pubblico, evitando di includere interessi poco omogenei nella stessa inserzione o creare pubblici troppo generici, allargati o ristretti.

Errata creatività dell’annuncio

La maggior parte degli imprenditori si concentra eccessivamente sulla creazione del pubblico, ma tralascia la creatività ovvero il copy e il contenuto multimediale della campagna, sia esso un’immagine, un video o un carosello.

Molti scrivono in stampatello, altri non includono la call to action, altri ancora usano immagini sgranate o non uniformi alle dimensioni dell’inserzione. Cosa devi fare?

Webita consiglia di creare un copy in base all’obiettivo della campagna e adeguarsi ad esso, tenendo conto dell’interpretazione da parte degli utenti e senza paura di sperimentare. Chi vuole creare Facebook Ads efficaci deve partire con l’idea di creare molte varianti di annunci con creatività diverse, magari aiutandosi con degli A/B test dove appunto si modifica solo un o pochi elementi per capire la reale differenza.

Attenzione alla saturazione dell’annuncio

Quando l’annuncio ha raggiunto tutto il pubblico e i risultati della campagna Facebook Ads diminuiscono è il momento di aggiornarla in termini di creatività, copy e pubblico a cui mostrare l’inserzione. Per questo consigliamo di tenere monitorate le statistiche dell’annuncio.

L’importanza di collegare gli annunci a landing page ad hoc

Dato che la campagna deve generare traffico e conversioni – a meno che non sia una campagna per ottenere engagement e like sulla pagina – è fondamentale collegare l’annuncio a una landing page ad hoc. Tuttavia, capita che anche l’imprenditore più esperto faccia l’errore di puntare alla Homepage del sito o a una pagina dispersiva, piuttosto che a una landing con una chiara call to action.

L’importanza di concentrarsi sulle metriche importanti

Il consiglio di Webita quando si parla di metriche e Facebook Ads efficaci è quello di concentrarsi sui dati che contano davvero e non sulle cosiddette vanity metrics, che non spingono l’utente all’azione o a procedere lungo il funnel che porta dalla conoscenza alla conversione. Sicuramente like e tasso di interazione sui post sono importanti, ma se non portano fatturato servono a ben poco.

Per questo, quando si crea una campagna di Facebook Ads è importante tenere nella dovuta considerazione: CPC (cost per click), acquisti sul sito web, valore della conversione, frequenza per evitare la saturazione della campagna, punteggio di pertinenza, costo per risultato.

A tal proposito, ovviamente è importante in una prima fase strategica capire per quale obbiettivo vogliamo utilizzare la nostra inserzione pubblicitaria. Se vogliamo creare engagement (interazione) sul post, o vogliamo semplicemente informare riportando ad un approfondimento sul nostro sito web, i dati da tenere in considerazione per un’analisi sui risultati ottenuti sono chiaramente differenti dalla vendita di un prodotto o servizio.

Nella maggior parte dei casi infatti è possibile avere successo con le inserzioni grazie ad un contenuto ben redatto, e un obbiettivo diverso dalla vendita diretta, questo perché sebbene i social siano diventati un luogo dove la gente ormai si è abituata ad acquistare beni, è anche vero che la concorrenza ed il basso interesse, fanno si che lo sforzo in denaro per raggiungere numeri simili per copertura e interazione ad un inserzione ottimizzata per engagement, è ancora ben diverso.

Conclusioni

Anche se creare una campagna di Facebook Ads efficace può sembrare semplice, in realtà muoversi tra creatività, targetizzazione e budget pubblicitario richiede conoscenze avanzate. Per questo è importante rivolgersi a chi sa trasformare idee di business in realtà, click in conversioni, creando la migliore campagna Facebook per ogni azienda. Solo aggiornamento costante, passione e impegno permettono di creare annunci che convertono con l’aumento di clienti e fatturato.

Chiara Mastroleo

Autore Chiara Mastroleo

Chiara Mastroleo, consulente Seo e Google Ads con il pallino per la scrittura. Non trascorre un solo giorno senza formarsi, per lei il “blocco dello scrittore” è solo una leggenda metropolitana. Ama la filosofia, leggere classici, e iniziare le sue giornate con un caffè macchiato mentre è intenta a stilare una to-do list per avere tutto sotto controllo. È metodica e adora l’ordine (fisico e mentale), il suo lavoro per lei è una continua sfida a fare sempre meglio.

Altri articoli di Chiara Mastroleo

Partecipa alla discussione