6 regole di marketing utili alla tua azienda

Di 6 settembre 2018Marketing
6 regole di marketing

Nel mondo del web oggi ci sono sempre più strumenti per farsi conoscere, e sebbene questo sembrerebbe essere un fattore positivo per coloro che vogliono acquisire visibilità online, in realtà può diventare uno svantaggio se non si segue una “rotta”, delle regole di marketing che possano in qualche modo valorizzare la propria azienda, in qualsiasi settore si operi.

Per questo motivo abbiamo deciso di creare una sorta di “guida”, che può essere applicata in diverse situazioni, e che può essere utilizzata come un vero e proprio punto saldo per pubblicizzare la propria attività sul web senza sprecare risorse.

Ma esistono veramente delle regole nel marketing?

Sebbene sia un settore che richiede creatività, sulla base dello studio e delle esperienze dei grandi marketers, possiamo stilare delle linee guida, con le quali, con buon senso, è possibile “migliorare il nostro brand“.  Oltre la nostra creatività anche la conoscenza nel marketing è alla base del successo sul web. Seguire delle strategie di marketing definite “immutabili” (vedi il conosciuto libro di Al Ries e Jack Trout) ci può sicuramente aprire gli occhi su alcune azioni, e farne correggere altre.

Se quindi vogliamo costruire qualcosa di “solido” e conoscere bene i motivi che ci hanno portato in vetta, non possiamo fare a meno di avere obbiettivi chiari e cercare di migliorare prendendo il meglio da tanti esempi virtuosi che ci sono.

Ma quali regole di marketing bisogna quindi seguire per avere successo? Prendendo spunto dall’esperienza di personaggi illustri come Bill Davidow (Vice Presidente Intel settore Marketing) o David Packard (Co-fondatore della conosciuta Hewlett Packard), abbiamo deciso di estrarre queste 6 regole di marketing che possono essere applicate a tutte le attività a prescindere dal settore in cui operano e dal budget che hanno a disposizione.

Il Focus Group deve avere degli obbiettivi chiari

Il Focus Group è quel gruppo di persone che decide come e in che modo portare avanti una strategia di marketing valutando i bisogni dei clienti. Si tratta in realtà di un passaggio fondamentale che deve essere pilotato da un individuo seguendo un obbiettivo chiaro. Nel gruppo si possono comprendere clienti, colleghi, professionisti che rispondono ai nostri bisogni e alle azioni che verranno svolte. In poche parole si tratta di quel gruppo che ha le capacità e la voglia (con un’idea chiara) di portare avanti l’azienda non solo fornendo spunti di riflessione ma anche possibili soluzioni. Alla fine del focus group bisogna avere chiare le azioni da svolgere per far conoscere i servizi o prodotti.

Il posizionamento della tua attività

In questo caso non parliamo di posizionamento sui motori di ricerca e di SEO, ma di posizionamento nel mercato. Avete controllato quanti concorrenti avete nel vostro settore? Quanti servizi o prodotti diversi proponete? I vostri sono competitivi? Una semplice regola comune predica “Bisogna differenziarsi nel mercato o si muore“. Ecco perché è importante tenere sempre a mente che studiare la concorrenza con regolarità, e cercare prodotti nuovi o migliori può essere motivo di successo.

 Il messaggio che comunichi

Molte attività sottovalutano la potenza del messaggio e della comunicazione in generale che creano sul web. La cura che bisogna impiegare nel comunicare deve essere ancora più dettagliata sul web. Ad esempio, sui social network tramite la propria pagina Facebook è facile comunicare (si dice), ma sono davvero poche le attività che lo fanno con attenzione, con immagini curate graficamente, con messaggi studiati per persuadere o far conoscere bene i servizi. La qualità in questo caso può cambiare drasticamente l’idea che le persone hanno della nostra attività, e portare il cliente a seguire la nostra azienda fino a diventare un ambassador della stessa (recensioni positive e passaparola).

Fare questo non è semplice certo, per questo Webita ha studiato il pacchetto WEBITA Social e WEBITA Blog per le aziende, dateci un occhio 😉

Conoscere i propri clienti

Sembra una cosa semplice, ma in realtà sono davvero poche le attività che si soffermano su questo punto. Conoscere il proprio cliente non significa sapere banalmente il suo nome ed il suo cognome, ma bensì conoscere in che modo i clienti vivono l’esperienza con prodotti e servizi. Capire come migliorare ed offrire ai nostri clienti qualcosa che possa essere per loro un vantaggio, che li spinga a tornare da noi o venirci a trovare per la prima volta; qualche esempio? Un parcheggio custodito, delle offerte speciali dedicate ai clienti più fedeli, dei tavoli comodi e così via. In ogni attività poi si possono studiare delle soluzioni adatte.

Conoscere il proprio punto di forza

Sapresti dire quale dei tuoi servizi o prodotti è il punto di forza della tua attività? Se non lo sai ancora ti consiglio di trovarlo. Sembra una citazione sull’autocoscienza, ma conoscere se stessi è davvero importante. Non si può pensare di andare sul mercato e non avere un prodotto o servizio di punta. C’è troppa concorrenza oggi per non avere un chiaro punto di forza da far arrivare ai clienti. Oltre che conoscerlo dovrai anche sapere come raccontarlo sul web, chiarendo i motivi per cui pensate che “voi siete il meglio!”.

Il brand sempre al primo posto

Dovrai farti conoscere, e quindi portare il brand ad essere riconoscibile. Ci sono casi in cui con la forza del brand si è fatto in modo di surclassare altri concorrenti più validi. Questo semplicemente perché la potenza di un brand ben curato può fare la differenza nella percezione che un nostro potenziale cliente ha di noi. Citazioni, recensioni e pubblicità creano un vortice di visite che porta dritto al nostro brand, e lo fa conoscere come top del settore. Questo si trasforma in conversioni e vendite di prodotti e servizi.

Queste sei regole ovviamente sono solo alcuni dei consigli che ci siamo sentiti di condividere sul mondo del marketing. Ovviamente se ne potrebbero aggiungere molte altre di “regole” e su queste ragionare sulle mille casistiche. Per ognuna di queste regole, su tutto, consigliamo sempre di chiedere consulenza e farsi affiancare da professionisti validi per la gestione dei vostri canali. Ovviamente non vi dico di contattarci sarebbe troppo ovvio 🙂

Giorgio Sanna

Autore Giorgio Sanna

SEO & SEM, Founder di Webita, blogger ed appassionato di Tecnologia. In Webita sono l'esperto in posizionamento di siti web e digital marketing. Dopo diverse esperienze sul web ed in agenzia, ora offro le mie competenze per aziende e professionisti.

Altri articoli di Giorgio Sanna

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.